La Mathesis torni alle sue origini. Un appello pubblicato dalla rivista PRISMA

La Mathesis torni alle sue origini. Questo il titolo e il senso dell’appello che il prof. Carlo Toffalori – docente di Logica e Algebra dell’Università di Camerino e presidente di A.A.M.M. Mathesis Camerino – rivolge dalle pagine del numero di dicembre 2021 della rivista PRISMA matematica, giochi, idee sul mondo. Carlo Toffalori prende spunto dalla sentenza con la quale il Tribunale di S. Maria Capua Vetere ha riconosciuto l’irregolarità delle elezioni Mathesis 2018-2020 e l’illegittimità dell’elezione e della costituzione del Consiglio Nazionale dell’associazione. Irregolarità e malversazioni che si sono ripetute poi all’inizio di quest’anno in occasione dell’insediamento del nuovo Consiglio nazionale 2021-2023 con un vero e proprio rovesciamento del risultato elettorale. Carlo Toffalori scrive “…… l’associazione non trova un suo equilibrio e una sua pace.  Quali i motivi? Difficile valutarli dall’esterno.”. Per la verità non è semplice valutarli nemmeno dall’interno. Gli organismi direttivi e i soci di Mathesis Bergamo, che hanno vissuto e stanno vivendo molto da vicino questi anni horribiles conoscono bene fatti, comportamenti e motivazioni.  A partire da ciò che furono costretti a subire Carlo Toffalori, e i soci di Mathesis di Camerino, che fu la prima sezione ad abbandonare la cosiddetta Mathesis nazionale. Ora c’è la Federazione Italiana Mathesis, ma come scrive Carlo Toffalori vogliamo continuare a sperare che in Mathesis nazionale trovi spazio la voglia e la volontà e di un recupero dei valori passati

Il più recente degli anni horribiles di Mathesis nelle news del nostro sito

Questo sito si avvale di cookie tecnici necessari al funzionamento dello stesso ed utili per le finalità illustrate nella cookie policy. Continuando la navigazione o cliccando su "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi